Domenica 20 Settembre 2020

Cronaca

Coronavirus, preoccupazione a Lanciano dove sono 8 i positivi e 60 le persone in quarantena

10/08/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Coronavirus, preoccupazione a Lanciano dove sono 8 i positivi e 60 le  persone in quarantena

Il sindaco di Lanciano lancia un appello" Il virus è ancora in circolazione, dobbiamo evitare che si generi nuovo lockdown" vi invito a rispettare le norme"

A Lanciano il sindaco Mario Pupillo annuncia la registrazione di 8 nuovi casi sul territorio frentano e circa 60 persone in quarantena, esprimendo preoccupazione e rivolgendo un accorato appello ai cittadini a rispettare le norme anticovid. "Il coronavirus continua a camminare sulle nostre gambe. È bene ricordarlo e tornare a ribadirlo. Dopo settimane a 0 nuovi casi ,oggi abbiamo 8 concittadini positivi al covid19 e circa 60 persone in quarantena. Che fare dunque? Pensare e agire nel rispetto di sé stessi e degli altri. - dice  Pupillo - Libertà non è far ammalare gli altri, come ha detto il nostro Presidente Sergio Mattarella." Il sindaco ribadisce quali regole seguire: mascherina OBBLIGATORIA nei luoghi al chiuso; Mascherina OBBLIGATORIA nei luoghi all'aperto dove non sia possibile rispettare la distanza di almeno 1mt tra le persone; Distanziamento fisico tra le persone di almeno 1mt ; lavare spesso le mani o igienizzarle con soluzioni idroalcoliche. Inoltre il primo cittadino ricorda che se si hanno dubbi su un probabile contatto o dei sintomi riconducibili al coronavirus occorre avvertire il proprio medico di famiglia e la Asl di competenza tramite il numero verde 800860146. "Come sindaco vi rinnovo questa mia "preghiera" a seguire le norme. Lo vediamo anche con ciò che sta accadendo nei comuni limitrofi, dobbiamo evitare che si generi un nuovo lockdown. Dobbiamo rispettare le norme e non violarle come è invece avvenuto in queste ultime settimane".

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

I Carabinieri del Norm di Atessa e i colleghi di Archi hanno atteso che la donna rientrasse in Italia per dare esecuzione al provvedimento di custodia cautelare ai domiciliari emesso nei suoi confronti.

Un innesto importante perché coincide con un momento delicato come quello della riapertura delle scuole, con tantissimi studenti abruzzesi che utilizzano quotidianamente il trasporto pubblico per le attività scolastiche.

Una settimana di intensa attività preventiva/repressiva volta ad arginare impropri comportamenti in ambito ferroviari ed a sensibilizzare i viaggiatori al rispetto delle misure anti covid – 19.