Marted 07 Aprile 2020

Cronaca

Coronavirus, nessun contagio per il 43enne ricoverato a Chieti. Lo conferma l'Istituto Superiore di Sanità

08/02/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Coronavirus, nessun contagio per il 43enne ricoverato a Chieti. Lo conferma l'Istituto Superiore di Sanità

E’ risultato negativo al contagio da Coronavirus anche il test effettuato dall’Istituto Superiore di Sanità sui campioni biologici prelevati al 43enne ricoverato all’ospedale di Chieti in regime di sorveglianza sanitaria.

L’esito è stato comunicato pochi minuti fa a Jacopo Vecchiet, Direttore delle Malattie Infettive, dove l’uomo si trova da ieri pomeriggio. Il paziente, affetto da una normale influenza, sarà dimesso non appena la sintomatologia sarà risolta e la febbre scomparsa. La notizia, accolta con grande sollievo, pone fine alle preoccupazioni e all’allarme generate nel capoluogo teatino dopo che era stato reso noto il caso sospetto approdato al “SS.Annunziata”. “L’allarme è cessato - commenta Thomas Schael, Direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti - e siamo tutti rasserenati dall’esito negativo del test. La nostra Azienda si è trovata pronta ad affrontare una possibile emergenza, e l’organizzazione ha funzionato, dando prova di efficienza e assoluta garanzia per la salute pubblica. Desidero ringraziare per l’impegno e la capacità dimostrata tutto il personale e le figure coinvolte, e in particolare il Pronto Soccorso, con il Direttore Antonio Iacovella, l’Unità operativa di Malattie Infettive, con il Direttore Jacopo Vecchiet, e Arturo DI Girolamo, del Risk management”. (REGFLASH)

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Mattarella: Solidarietà condivisione e unità del popolo italiano,un patrimonio prezioso per portare a termine la ricostruzione

L'uomo stava rientrando a casa a Ripa Teatina quando è stato fermato dai militari dell'Arma ma non si è fermato all'Alt delle forze dell'ordine

Il Commissario straordinario del Governo per la ricostruzione post sisma sottolinea il suo impegno incessante

In una Piazza Duomo deserta per l’osservanza delle disposizioni governative in materia di contrasto del contagio da coronavirus, si è svolta nella nottata di ieri la Commemorazione delle vittime del terremoto del 6 aprile 2009.