Mercoledì 27 Maggio 2020

Cronaca

Coronavirus, nessun caso a San Salvo, lo annuncia il sindaco Tiziana Magnacca che ribadisce: restate a casa

13/03/2020 - Redazione AbruzzoinVideo

Il sindaco di San Salvo annuncia i provvedimenti che saranno attuati, insieme agli assessori all'ambiente, Giancarlo Lippis e alle Politiche sociali, Oliviero Faienza

E' sollevata il sindaco di San Salvo; Tiaziana Magnacca nell'annunciare alla cittadinanza che non ci sono casi di persone positive al Covid-19 nel territorio di San Salvo, ma il sindaco ricorda che non bisogna abbassare la guardia, bisogna restare a casa per eviatare il contagio. “Nelle situazioni critiche non tutti hanno le stesse reazioni, ancor di più nell’affrontare l’emergenza Covid-19. Per questo abbiamo deciso di ampliare i nostri servizi a sostegno dei cittadini attivando lo sportello d’ascolto anticoronavirus”. A dichiato il sindaco che ha dato mandato all’ufficio delle Politiche sociali di attivare da subito lo sportello psicologico che affiancherà le attività operative da tempo a sostegno ai cittadini con misure psicologiche di contrasto e gestione del rischio. “Con questo sportello cercheremo di aiutare i cittadini a gestire le emozioni aiutandoli ad affrontare le ansie e lo sconforto e uno dei rimedi – evidenzia l’assessore alle Politiche sociali Oliviero Faienza – potrebbe essere l’ascolto e confidarsi con una voce amica. Ringrazio per la professionalità le assistenti sociali e le psicologhe sempre in prima linea”. Un servizio rivolto ai cittadini della zona sociale nell’Ambito Territoriale n. 1 che comprende i comuni di San Salvo, Cupello, Lentella e Fresagrandinaria. Lo sportello telefonico è attivo allo 0873.340202 e 0873.316841 dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle 12.00 Inoltre il sindaco Magnacca ha annunciato la chiusura del cimitero comunale fino al 3 aprile 2020. "Una decisione necessaria per intervenire nella gestione e nell’afflusso delle persone altrimenti non gestibile all’interno del cimitero comunale da qui la disposizione, per la salute di tutti, con la chiusura alle visite dei parenti, al fine di evitare assembramenti ed il rispetto della distanza interpersonale prevista dalle disposizioni nazionali, limitando l’accesso ai soli familiari per il seppellimento o tumulazione della salma nel rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro considerando l’epidemia da coronavirus altamente diffusiva. - ha detto la Magnacca che ha anche annunciato il programma degli interventi di sanificazione sul territorio - Dopo aver proceduto con le scuole ora si passa a sanificare strade e marciapiedi della Città, l’ennesimo impegno del Comune di San Salvo per il coronavirus”. In accordo con l’Amministrazione comunale la società Sapi srl, che gestisce il servizio di igiene urbana a San Salvo, si è resa disponibile a effettuare la sanificazione delle principali strade, piazze e marciapiedi del territorio urbano. Nella notte tra domenica 15 marzo e le prime ore di lunedì 16, infatti, gli addetti di Sapi srl svolgeranno una sanificazione straordinaria, grazie ad uno specifico automezzo, dotato di prodotti detergenti-igienizzanti. “Le operazioni saranno svolte con prodotti non inquinanti e si svolgeranno in orario prevalentemente notturno. La sanificazione vuole essere un utile contributo di prevenzione ambientale e riduzione del rischio nell’ambito delle straordinarie necessità per affrontare l’emergenza Covid-19” conclude l’assessore all’Ambiente Giancarlo Lippis.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Nessun nuovo decesso rispetto a ieri, 140 dimessi guariti in 24 ore. In Abruzzo i positivi sono attualmente 909

L'importante indagine avviata nel 2019 dai carabinieri della Compagnia di Giulianova e coordinata dalla Procura di Teramo ha permesso di sgominare una banda dedita al traffico di droga

Una mandria di bovini ha sconfinato, senza alcuna autorizzazione e soprattutto senza controllo, in un’area del Parco con circa un mese di anticipo rispetto a quanto previsto dalla normativa vigente. L’episodio è accaduto nei giorni scorsi in località Templo, nel Comune del Gioia dei Marsi, dove i bovini si sono recati perché incustoditi nell’area di svernamento, ubicata più a valle.

Guarite 45 persone in più rispetto a ieri, mentre tocca quota 400 il numero dei decessi dall'inizio dell'emergenza, più 2 rispetto a ieri