Mercoledì 23 Settembre 2020

Cronaca

Coronavirus, le Diocesi della provincia di Chieti donano 20mila euro alla Asl per l'acquisto di un ventilatore polmonare

25/03/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Coronavirus, le Diocesi della provincia di Chieti donano 20mila euro alla Asl per l'acquisto di un ventilatore polmonare

Le diocesi di Chieti Vasto e Lanciano Ortona hanno voluto dare un loro contributo per essere vicine concretamente alla comunità colpita dall'emergenza

Anche la Chiesa in provincia di Chieti si mobilita per l'emergenza Covid-19. I Vescovi,Bruno Forte ed Emidio Cipollone, hanno voluto prendere parte attiva alla raccolta fondi dell'Azienda sanitaria locale donando 20mila euro per l'acquisto di un ventilatore polmonare, un apparecchio divenuto fondamentale nell'assistenza ai pazienti affetti da Coronavirus. La donazione è stata effettuata dalle Diocesi di Chieti-Vasto e Lanciano-Ortona sul conto corrente dedicato, aperto dalla Asl.

"Desideriamo essere concretamente vicini alle nostre comunità in un momento così drammatico - spiegano gli alti prelati - in cui il Servizio sanitario ha bisogno del supporto di tutti noi per fare fronte a una situazione che non ha precedenti, per il numero di contagiati, di morti e per la necessità di riorganizzare, giorno per giorno, i luoghi di cura". Non si è fatto attendere il ringraziamento del Direttore generale della Asl, Thomas Schael: "Vi sono grato per questo dono - ha scritto - che ci aiuterà a salvare la vita a qualcuno dei nostri malati. La situazione è drammatica, ma poter contare sul sostegno di tanti ci aiuta, dandoci la forza di andare avanti".

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

I nuovi casi sono di età compresa tra 16 e 79 anni) e sono residenti in provincia di Chieti (5), Pescara (6), Teramo (5) e fuori regione (2).

Si tratta di due pregiudicati individuati grazie ad un'intensa attività d'indagine condotta dalla squadra mobile di Pescara.

"Nonostante la trasformazione delle feste di settembre per evitare assembramenti si sono creati purtroppo spontaneamente"

L’uomo si era specializzato nella coltivazione di diverse varietà di cannabis ognuna con un diverso principio attivo.