Mercoledì 20 Gennaio 2021

Cronaca

Coronavirus, dimesso il direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti

26/11/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Coronavirus, dimesso il direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti

Le condizioni del manager Thomas Schael sono in graduale e costante miglioramento.

E' tornato a casa il direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti, Thomas Schael. E' stato dimesso questa mattina dall'ospedale di Chieti, dove era ricoverato dalla tarda serata di domenica in Medicina Covid-19. Le sue condizioni sono in graduale e costante miglioramento e potrà proseguire le cure a domicilio. «Desidero ringraziare tutti gli operatori che ho visto all'opera in questi giorni - commenta - e posso definirli tutti con una sola parola: eccezionali. Svolgono un lavoro impegnativo in condizioni rese ancora più difficili dalla necessità di indossare tute e dispositivi di protezione, ma ciò nonostante riescono a far arrivare ai pazienti la cordialità di un sorriso, di una parola gentile, oltre che la loro professionalità. So che lo stesso accade negli altri reparti Covid-19 della nostra Azienda. Alle persone mi sento di dire di avere fiducia nei nostri medici e nell'assistenza offerta dai nostri qualificati professionisti, le guarigioni sono sempre più numerose, anche se non dobbiamo perdere di vista il nostro principale obiettivo: tenere alta la guardia e osservare scrupolosamente le precauzioni per scampare al contagio». Chieti, 26 novembre 2020

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Questa mattina, a Montesilvano, è stato effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio per contrastare l’illegalità diffusa, soprattutto i reati di tipo predatorio (furti, scippi, rapine), lo spaccio di droga.

L’assessore Nicoletta Di Nisio ha conferito questa mattina - nel corso di una breve cerimonia tenutasi presso la Sala giunta di Palazzo di città - la qualifica di Ufficiale di polizia giudiziaria ad altrettanti giovani che, senza nascondere un po’ di emozione, hanno pronunciato il giuramento di rito prima di ricevere il tesserino che attesta il nuovo ruolo.

Si erano chiusi in piena notte all’interno di un bar dell’entroterra teatino, pensando di passare inosservati sottovalutando i controlli , disposti soprattutto in orario notturno, per il contrasto alla diffusione del Covid–19.

La donna entrata nelle grazie di un anziano, affetto da alcuni disturbi, gli avrebbe chiesto denaro e contratti di acquisto.