Marted 02 Giugno 2020

Cronaca

Coronavirus, continua l'attività dei 13 centri antiviolenza in Abruzzo a sostegno delle donne

23/03/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Coronavirus, continua l'attività dei 13 centri antiviolenza in Abruzzo a sostegno delle donne

Tutte le strutture hanno dato la piena disponibilità, alcune per l'intera giornata, a garantire i servizi di assistenza

L'emergenza sanitaria nazionale per il Covid-19 non ferma l'attività dei Centri antiviolenza in Abruzzo. I 13 Centri antiviolenza dislocati sul territorio regionale continueranno a garantire sostegno alle donne vittime di violenza mediante accoglienza, ascolto e consulenze legali e piscologiche. Lo annuncia la Regione Abruzzo.

E' importante segnalare che accanto al servizio che forniscono i Centri antiviolenza si affianca il numero Verde nazionale 1522 attivo naturalmente anche in questo momento di emergenza sanitaria. A raccogliere la disponibilità dei Centri antiviolenza operanti in Abruzzo è stato il servizio Salute e Benessere sociale della Regione che nei giorni scorsi ha avviato un'indagine conoscitiva coinvolgendo i responsabili dei Centri antiviolenza in relazione soprattutto alle disponibilità logistiche e di personale nel periodo di emergenza sanitaria. Tutte le strutture operanti e autorizzate dalla Regione hanno dato la piena disponibilità, alcune per l'intera giornata, a garantire i servizi di assistenza, a conferma della valore di pubblica utilità del servizio stesso e del senso di "responsabilità sociale" in capo ai tanti operatori che ogni giorno operano nei Centri antiviolenza. L'elenco dei Centri antiviolenza e le relative disponibilità sono consultabili all'indirizzo: http://www.abruzzosociale.it/site/main/post/186.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Grazie a trasferimenti statali ad doc attribuiti, l’Unione ha organizzato, senza costi aggiuntivi per i Comuni ed i propri cittadini, la sanificazione permanente degli ambienti che riguarderà gli immobili comunali, gli automezzi comunali, gli ambulatori medici, le chiese, fino agli operatori del territorio.

Intervistati oltre mille riders operanti per le piattaforme virtuali del food delivery

I carabinieri in borghese lo hanno pedinato e sottoposto a controllo scovando la droga nella sua auto