Mercoledì 23 Settembre 2020

Cronaca

Coronavirus, casa di riposo di Loreto Aprutino resta senza personale,ci pensano Regione e Protezione civile

24/03/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Coronavirus, casa di riposo di Loreto Aprutino resta senza personale,ci pensano Regione e Protezione civile

8 operatori su 9 operatori hanno presentato il certificato medico lasciando gli anziani senza assistenza. La regione affida l'incarico ad una cooperativa

È stata risolta positivamente in serata la gravosa situazione che si era venuta a creare all'interno della Casa di riposo per anziani "Acerbo" di Loreto Aprutino. Lo fa sapere la regione Abruzzo. La struttura che ospita 23 anziani, di cui uno attualmente ricoverato in ospedale perché positivo al COVID-19, si è trovata improvvisamente senza personale addetto in quanto otto dei nove operatori in servizio hanno presentato il certificato medico. Il grido d'allarme è stato prontamente raccolto dall'Unità di Crisi della Protezione Civile della Regione Abruzzo che si è prodigata, insieme al presidente Marsilio e all'assessore Fioretti, per risolvere l'incresciosa situazione. “Abbiamo immediatamente cercato la disponibilità di personale specializzato per non interrompere le attività della Casa di riposo – ha dichiarato il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio - tra mille difficoltà facilmente immaginabili, già in serata, abbiamo affidato l’incarico a una cooperativa specializzata nell'assistenza agli anziani. Gli operatori OSS si sono recati presso la struttura per la prima, urgente, assistenza agli ospiti. La Protezione Civile dell'Aquila ha invece provveduto all’invio dei dispositivi di protezione individuale DPI (mascherine, guanti, disinfettante, occhiali di protezione) per consentire agli operatori di poter operare in sicurezza”. Nella giornata odierna l’Unità di crisi della Protezione civile regionale ha predisposto l’utilizzo di 600 volontari sul territorio regionale, ha inviato 180 mezzi, distribuito 19mila mascherine e diecimila guanti ad Asl, Comuni e Farmacie.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Si tratta di due pregiudicati individuati grazie ad un'intensa attività d'indagine condotta dalla squadra mobile di Pescara.

"Nonostante la trasformazione delle feste di settembre per evitare assembramenti si sono creati purtroppo spontaneamente"

L’uomo si era specializzato nella coltivazione di diverse varietà di cannabis ognuna con un diverso principio attivo.

Il manager Di Giosia lancia un appello alla responsabilità verso se stessi e verso gli altri e chiede che si intensifichino i controlli.