Mercoledì 23 Settembre 2020

Cronaca

Coronavirus, aumentano i casi ad Ortona, il sindaco chiede tamponi su Caldari

24/03/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Coronavirus, aumentano i casi ad Ortona, il sindaco chiede tamponi su Caldari

Leo Castiglione chiede alle autorità l'esecuzione di tamponi sulla popolazione della contrada cittadina dove si sono registrati i primi casi e dove sono avvenuti diversi decessi

Il comune di Ortona continua a registrare un aumento costante di casi di positività al Covi-19, 28 le persone che hanno contratto il virus , con diversi ricoveri a Chieti e numerosi decessi, gli ultimi due oggi. A perdere la vita un 65enne ed un 70enne. "Adesso basta, dobbiamo assolutamente avere il quadro reale della situazione - sottolinea il sindaco Leo Castiglione - e visto che di questi 28 casi ben 15 sono di Caldari, una contrada che conta circa 1200 persone, e che sempre a Caldari registriamo tutti e cinque i decessi torniamo a chiedere con forza l'attenzione delle autorità competenti. In particolare chiediamo alle autorità sanitarie che venga messa in atto una sorveglianza attiva massiva, con il tampone sulla popolazione di Caldari, per scovare gli asintomatici e bloccare il contagio. Poiché dobbiamo tenere conto che anche le positività riferibili a Crecchio e Arielli derivano dalla stessa genealogia infettiva. Gli altri 13 casi sono invece dislocati sul centro e su qualche altra contrada- continua il sindaco Castiglione -questo significa che seppur più rilevante nell'area di Caldari non vi è alcuna immunità nel resto del territorio per cui continuo a ribadire ai cittadini di restare a casa e di avere meno contatti possibili, perché si tratta come ormai sappiamo di una malattia insidiosa. E vi prego non pensiate che le mascherine, soprattutto quelle non rispondenti a FFP3 o FFP2, possano proteggervi in assoluto dal contagio per cui utilizzatele comunque solo per le attività strettamente necessarie, come fare la spesa, andare al lavoro oppure in farmacia".

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Si tratta di due pregiudicati individuati grazie ad un'intensa attività d'indagine condotta dalla squadra mobile di Pescara.

"Nonostante la trasformazione delle feste di settembre per evitare assembramenti si sono creati purtroppo spontaneamente"

L’uomo si era specializzato nella coltivazione di diverse varietà di cannabis ognuna con un diverso principio attivo.

Il manager Di Giosia lancia un appello alla responsabilità verso se stessi e verso gli altri e chiede che si intensifichino i controlli.