Sabato 28 Marzo 2020

Cronaca

Coronavirus, Asl Lanciano Vasto Chieti attiva sostegno psicologico per operatori sanitari

24/03/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Coronavirus, Asl Lanciano Vasto Chieti attiva sostegno  psicologico per operatori sanitari

Saranno organizzati, dopo ogni turno di lavoro, gruppi di “defusing” condotti da un team di psicologi coordinati dal direttore del Dipartimento salute mentale della Asl, Massimo Di Giannantonio

L'emergenza sanitaria che stiamo vivendo mette a dura prova gli operatori sanitari non solo dal punto di vista professionale, ma soprattutto personale e umano. Per aiutarli con specifiche tecniche di “pronto soccorso emotivo” la Asl Lanciano Vasto Chieti ha attivato un servizio di sostegno psicologico per gli operatori che prenderà il via domani, mercoledì 25 marzo, nella sala conferenze al V livello dell’Ospedale di Chieti. Alle ore 13 per il personale che svolgerà il turno di pomeriggio e alle 14.15 per chi smonterà dal turno della mattina, saranno organizzati gruppi di “defusing” condotti da un team di psicologi esperti delle diverse unità operative aziendali, coordinati dal direttore del Dipartimento salute mentale della Asl, Massimo Di Giannantonio, con il supporto del servizio Qualità accreditamento e risk management. "Lo strumento della “defusione” - si legge in una nota della Asl Lanciano vasto Chieti - permette agli operatori di guardare alle proprie emozioni e vissuti con una modalità nuova, attraverso la condivisione, il distanziamento, la rielaborazione in positivo e ha una durata di circa 30 minuti. I gruppi saranno composti da 10/12 operatori per volta appartenenti alle unità operative direttamente coinvolte nell'emergenza Covid-19: medici, infermieri, operatori socio sanitari, tecnici di radiologia".

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Un provvedimento sollecitato dal sindaco di Ortona visti i contagi ed il numero dei decessi nella frazione ortonese

La scorsa notte, la Squadra Volante è intervenuta in via Salara Vecchia, per la segnalazione di un furto in una macelleria.

Da ieri sono decedute altre 5 persone, già affette da altre patologie. 71 i pazienti positivi al Covid-19 ricoverati in terapia intensiva