Domenica 20 Settembre 2020

Cronaca

Coronavirus Abruzzo, trovati positivi al virus 16 migranti ospitati nel Cas di Gissi, Marsilio attacca il Governo

04/08/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Coronavirus  Abruzzo, trovati positivi al virus 16 migranti ospitati nel Cas di Gissi, Marsilio attacca il Governo

Il presidente della Regione Abruzzo punta il dito contro "l'approssimazione e la superficialità del Governo"

"Oggi si registrano altri 16 migranti positivi, questa volta nel Cas di Gissi. L'irresponsabilità del Governo nella gestione dei migranti è ormai conclamata. Dopo il caso di Pettorano sul Gizio avevamo chiesto di non inviare altri migranti in Abruzzo, il Governo non ha voluto sentire ragioni e prima ancora di convocare riunioni in Prefettura aveva già spedito i pullman verso la nostra regione." Lo ha dichiarato il Presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio. "I sindaci delle località interessate hanno invano invocato l’adozione di misure sanitarie per garantire la sicurezza dei cittadini. Per tutta risposta prima a Moscufo ora a Gissi i tamponi eseguiti dalle Asl abruzzesi rivelano la positività di una percentuale altissima di questi migranti. Attualmente sono ospitati in strutture che non garantiscono nemmeno la loro sicurezza e la separazione anche dei loro stessi compagni attualmente negativi. È inaccettabile che, dopo quattro mesi di duri sacrifici che avevano praticamente azzerato la curva dei contagi, si debba rischiare il sorgere di focolai per colpa dell’approssimazione e della superficialità con cui il Governo ha gestito gli sbarchi dei migranti. Ora più che mai è necessario adottare il blocco navale per impedire nuovi sbarchi e il Governo deve allestire navi quarantena dove trasferire questi migranti perché le strutture dove sono ospitati non possono garantire la necessaria sicurezza".

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

I Carabinieri del Norm di Atessa e i colleghi di Archi hanno atteso che la donna rientrasse in Italia per dare esecuzione al provvedimento di custodia cautelare ai domiciliari emesso nei suoi confronti.

Un innesto importante perché coincide con un momento delicato come quello della riapertura delle scuole, con tantissimi studenti abruzzesi che utilizzano quotidianamente il trasporto pubblico per le attività scolastiche.

Una settimana di intensa attività preventiva/repressiva volta ad arginare impropri comportamenti in ambito ferroviari ed a sensibilizzare i viaggiatori al rispetto delle misure anti covid – 19.