Domenica 20 Settembre 2020

Cronaca

Coronavirus Abruzzo, positivi 24 migranti ospitati presso il CAS di Civitella del Tronto

06/08/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Coronavirus Abruzzo, positivi 24 migranti ospitati presso il CAS di Civitella del Tronto

Tra loro 7 minorenni tra i 15 e i 17 anni, tutti asintomatici, Lo conferma la Asl di Teramo

É stata Confermata dalla Asl di Teramo la positività al Covid-19 di 24 migranti ospitati nel Centro di Accoglienza Straordinaria di Civitella del Tronto. “Nelle prime ore del mattino, una segnalazione preliminare da parte dell’Istituto Zooprofilattico di Teramo, evidenziava verosimili casi positivi al coronavirus sui tamponi eseguiti sui migranti provenienti dal Bangladesh e ospitati presso il C.A.S. di Civitella del Tronto.” Si legge nella nota dell’Azienda sanitaria - l’IZS ha ritenuto necessario ripetere gli esami per confermare il dato della prima analisi e, intorno alle ore 15:00, sono arrivati i risultati definitivi della seconda indagine che hanno confermato la positività al Covid-19 per 24 migranti, tra cui 7 minorenni tra i 15 e i 17 anni, tutti asintomatici, che attualmente dimorano al C.A.S. di Civitella. I dati sono stati immediatamente comunicati al Sindaco di Civitella del Tronto, alla Prefettura di Teramo, e al gestore del Centro di Accoglienza. La ASL di Teramo, già dopo i risultati della prima analisi, si era attivata per scongiurare la diffusione del virus sia all’interno del gruppo dei migranti, che sugli operatori della struttura di accoglienza e sulla popolazione in generale. - continua la nota - Il Servizio di Igiene e Salute Pubblica (SISP), insieme all’Unità di Coordinamento dell’Assistenza Territoriale (UCAT) sono allertati, stanno provvedendo al tracciamento di tutti i contatti delle persone positive al Covid-19, e l’intera ASL è pronta a gestire i soggetti che dovessero sviluppare sintomi di malattia.” La Asl di teramo annuncia che è stata programmata per domani l’esecuzione dei tamponi sul personale del C.A.S., anche in considerazione del fatto che per sviluppare la positività al virus occorrono dai 3 ai 5-6 giorni. E precisa che ,così come confermato dal gestore del C.A.S., il personale della struttura è dotato di tutti i dispositivi di protezione individuale previsti dalle norme di sicurezza anticovid e l’intero gruppo di migranti, sin dall’inserimento all’interno della struttura di accoglienza, è posto in isolamento e non ha avuto alcun contatto con l’esterno.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

I Carabinieri del Norm di Atessa e i colleghi di Archi hanno atteso che la donna rientrasse in Italia per dare esecuzione al provvedimento di custodia cautelare ai domiciliari emesso nei suoi confronti.

Un innesto importante perché coincide con un momento delicato come quello della riapertura delle scuole, con tantissimi studenti abruzzesi che utilizzano quotidianamente il trasporto pubblico per le attività scolastiche.

Una settimana di intensa attività preventiva/repressiva volta ad arginare impropri comportamenti in ambito ferroviari ed a sensibilizzare i viaggiatori al rispetto delle misure anti covid – 19.