Mercoledì 27 Maggio 2020

Cronaca

Coranavirus, violazione Decreto Governo, controlli carabinieri Lanciano,6 denunce

13/03/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Coranavirus, violazione Decreto Governo, controlli carabinieri Lanciano,6 denunce

I militari dell'Arma li hanno sorpresi a Torricella Peligna a parlare fuori da un bar aperto. Denunciato anche il titolare dell'esercizio commerciale che doveva essere chiuso per rispetto delle norme del Decreto

Nell’ambito dei servizi straordinari di prevenzione, disposti dai Carabinieri della Compagnia di Lanciano diretta dal Capitano Vincenzo Orlando e finalizzati al contrasto della diffusione dal contagio da COVID19, sono stati sottoposti a verifiche decine di esercizi ed attività commerciali interessati dalla chiusura imposta dal DPCM dell’11 Marzo scorso, nonché centinaia di persone in movimento. Nonostante le denunce, effettuate nei giorni scorsi, a carico di persone che senza valida giustificazione si muovevano sul territorio, nella serata di ieri, i Carabinieri della Stazione di Torricella Peligna hanno denunciato 5 persone di Gessopalena che, senza alcun rispetto delle prescrizioni imposte dallo stato di emergenza, si erano radunate a bere birra intorno ai tavolini di un esercizio pubblico del luogo. Per tutti gli uomini, di età compresa tra i 20 ed i 50 anni, è scattata la denuncia ai sensi del 650 c.p., compreso per l’esercente che è stato anche segnalato all’autorità amministrativa competente per la chiusura dell’esercizio pubblico. "La gravità della situazione che vive il Paese - si legge nella nota dei Carabinieri della compagnia di Lanciano - comporterà sicuramente costanti e diffusi controlli da parte dei Carabinieri su tutto il territorio al fine di arginare il pericolo di contagio e garantire la salute pubblica".

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Nessun nuovo decesso rispetto a ieri, 140 dimessi guariti in 24 ore. In Abruzzo i positivi sono attualmente 909

L'importante indagine avviata nel 2019 dai carabinieri della Compagnia di Giulianova e coordinata dalla Procura di Teramo ha permesso di sgominare una banda dedita al traffico di droga

Una mandria di bovini ha sconfinato, senza alcuna autorizzazione e soprattutto senza controllo, in un’area del Parco con circa un mese di anticipo rispetto a quanto previsto dalla normativa vigente. L’episodio è accaduto nei giorni scorsi in località Templo, nel Comune del Gioia dei Marsi, dove i bovini si sono recati perché incustoditi nell’area di svernamento, ubicata più a valle.

Guarite 45 persone in più rispetto a ieri, mentre tocca quota 400 il numero dei decessi dall'inizio dell'emergenza, più 2 rispetto a ieri