Marted 22 Giugno 2021

Cronaca

Chieti, vigilessa con patologia respiratoria cronica, per il tribunale malattia contratta sul lavoro

09/06/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Chieti, vigilessa con patologia respiratoria cronica, per il tribunale malattia contratta sul lavoro

Lo rende noto la Uil FPl che annuncia così la vittoria contro il Comune

Con la sentenza n. 205/2021 la Sezione Lavoro del Tribunale di Chieti ha riconosciuto una patologia respiratoria cronica contratta da una vigilessa del Comune di Chieti durante il servizio: la malattia, infatti, è stata originata dall’espletamento nel corso degli anni del servizio esterno, rimanendo la stessa vigilessa esposta alle intemperie e all’inalazione delle polveri sottili.

L’agente, assistita dal sindacato Uil Fpl Chieti, con l'ausilio dei suoi legali, gli avvocati Tommaso Cieri e Leonardo Cieri, è riuscita a "vincere" le resistenze dell'amministrazione comunale che, nonostante la conclamate e riconosciute patologie, si opponeva alla richiesta avanzata ritenendo che non vi fosse un nesso di causalità tra il servizio espletato e la malattia contratta. Si legge nella nota del sindacato.

“Finalmente – commenta Marco Angelucci, segretario Uil Fpl Chieti - dopo tale decisione tutti i lavoratori che per motivi di servizio espletano servizi esterni per l'intero corso dell'anno, ed a causa di tali esposizioni contraggono malattie di tipo polmonare, possono sicuramente farsi riconoscere tali patologie come contratte nell’espletamento del servizio. È l'inizio di un percorso di tutela dei lavoratori che, svolgendo le proprie attività all'esterno per l'intero periodo dell'anno, esposte alle intemperie e alle avversità atmosferiche, saranno maggiormente tutelati”.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Il bilancio dei pazienti deceduti non registra alcun nuovo caso, un nuovo ingresso in terapia intensiva

La Asl Lanciano Vasto Chieti mette a disposizione 12mila vaccini da inoculare entro il 1 luglio

Prevede un'intensa e capillare attività da parte della Guardia Costiera di Pescara con l'impiego di 54, tra uomini e donne, 12 unità navali e 13 mezzi a terra, con l'obiettivo di diffondere la cultura della responsabilità e della prevenzione in mare.