Giovedì 21 Gennaio 2021

Cronaca

Chieti, vende una cantinetta ma viene derubato di 2000 euro

13/01/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Chieti, vende una cantinetta ma viene derubato di 2000 euro

Aveva messo in vendita una cantinetta porta bottiglie in legno ma all’appuntamento per la visione del manufatto un giovane distinto e ben vestito gli ruba 2000 euro

Il giovane acquirente durante l'incontro di compravendita, si era mostrato interessato anche all’acquisto di alcune bottiglie in possesso del venditore.
All’improvviso però, all’uomo squilla il cellulare e per rispondere in tranquillità si allontana, lasciando il potenziale acquirente da solo, pregandolo di continuare il mini tour in soggiorno tra liquori e vini di pregio.
Quando rientra, non più di cinque minuti dopo, l’uomo trova il giovane visibilmente nervoso, non vuole più comprare le bottiglie, ma solo la cantinetta che paga, allontanandosi in tutta fretta.
Un paio di giorni dopo l’uomo ricorda di aver nascosto in un mobile in soggiorno i proventi delle vendite precedenti e va a controllare: è una cosa sola accorgersi che non ci sono più i 2.000 euro che vi aveva riposto e capire che è stato il giovane acquirente della cantinetta. Infatti, ripercorrendo mentalmente i fatti dei giorni precedenti, si accorge di aver ospitato solo lui, quindi lo chiama e gli dice che all’interno della stanza era posizionata una telecamera che aveva ripreso il tutto. Il giovane ammette di aver fatto un grosso errore con la promessa di restituire l’intera somma di danaro rubata, circostanza che però non avviene. A quel punto la vittima va diritto dai carabinieri della Stazione di Chieti Scalo a denunciare la cosa, fornendo agli investigatori anche il cellulare utilizzato dell’uomo. I militari non ci mettono molto ad identificare il giovane, che quindi è stato immediatamente denunciato alla Procura di Chieti per furto aggravato.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Chieti furti Carabinieri

Potrebbero interessarti

Le indagini da parte degli agenti del commissariato sono scattate dopo la denuncia di Poste Italiane.

Nella giornata di ieri, la D.I.G.O.S della Questura di Pescara insieme al personale del Servizio per il Contrasto all’Estremismo e Terrorismo Esterno della DCPP/UCIGOS ha eseguito l’ordine di custodia cautelare in carcere emesso dalla Procura Distrettuale Antimafia e Antiterrorismo de L’Aquila, a carico di un 24enne, cittadino italiano, di origini abruzzesi, ma nato e residente in Svizzera, per aver partecipato ad un’associazione terroristica di matrice islamica quale Jabhat Al Nusra - affiliata al movimento terroristico Al Qaeda - e per aver diffuso attraverso la piattaforma del social network Facebook alcuni video inneggianti allo Stato Islamico.

All'alba di martedì, i Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Pescara, coadiuvati dai Reparti alla sede di Milano, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Pescara – Dr.ssa Antonella Di Carlo – nei confronti di tre cittadini italiani, membri di un’organizzazione criminale dedita allo spaccio ed al traffico di sostanze stupefacenti e di armi fra la Lombardia e l’Abruzzo.

L’arresto, operato da personale del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni “ABRUZZO” di Pescara e dalla Sezione di Teramo, è stato effettuato all’esito della perquisizione eseguita a carico dell’uomo, su delega della Procura della Repubblica di L’Aquila, durante la quale gli operatori di polizia hanno sequestrato una notevole quantità di dispositivi informatici, tra PC, Tablet e Chiavette USB.