Venerdì 20 Maggio 2022

Cronaca

Lanciano, Carabinieri gli controllano il green pass e finisce in carcere.

14/01/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Lanciano, Carabinieri gli controllano il green pass e finisce in carcere.

L’uomo non aveva fatto rientro in comunità a seguito di un permesso premio.

Ieri pomeriggio i Carabinieri della Stazione di Lanciano, impegnati nell’ambito dei controlli per il rispetto alla più recente normativa per il contrasto alla diffusione del Covid-19, hanno proceduto alla verifica sul possesso del Green Pass nei confronti di alcune persone che stazionavano nei pressi delle fermate degli autobus in attesa dei mezzi pubblici.

Nel corso di tali accertamenti, i militari hanno controllato un 64enne del luogo che è risultato regolare con il possesso del certificato verde ma che, da successivi approfondimenti sul nominativo, è emerso essere destinatario di un provvedimento restrittivo emesso, qualche mese prima, dal tribunale di sorveglianza di Macerata a causa di un mancato rientro dell’uomo presso una comunità, dove lo stesso stava espiando la misura alternativa dell’affidamento in prova, al termine di un permesso premio. Pertanto, dopo le previste formalità, l’uomo è stato tradotto presso la Casa circondariale di Lanciano a disposizione dell’Autorità Giudiziaria mandante. I servizi di controllo finalizzati al contrasto della diffusione della pandemia da Covid-19 saranno intensificati anche nei prossimi tempi secondo le direttive emanate dal Governo attraverso la Prefettura di Chieti.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Lanciano Carabinieri

Potrebbero interessarti

Un’automobile parcheggiata in discesa, si mette improvvisamente in marcia e finisce la sua corsa nell’area esterna di un asilo dove in quel momento stava giocando un gruppo di bimbi travolgendoli.

Intanto la Asl offre la possibilità di sottoporsi a test antigenici gratuiti presso gli hub vaccinali di Lanciano e Chieti.

Un importante ausilio per la ricostruzione del grave episodio è stato dato sia da alcune testimonianze e poi dalle immagini riprese dall’impianto di videosorveglianza comunale.

Le cause del gesto potrebbero essere legate al fatto che l'uomo fosse malato gravemente.