Mercoledì 23 Settembre 2020

Cronaca

Avezzano, la polizia chiude Compro Oro, avrebbe ricettato preziosi frutto di rapine

10/09/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Avezzano, la polizia chiude Compro Oro, avrebbe ricettato preziosi frutto di rapine

Gli accertamenti della Polizia sulla attività erano scattati dopo le rapine agli anziani messe a segno da un giovane di Capistrello che avevano creato un vero e proprio allarme sociale in città.

Gli agenti della Polizia Amministrativa del Commissariato di Avezzano hanno proceduto stamane all’esecuzione di un provvedimento di chiusura temporanea di 30 gg. dell’attività di “Compro oro”, sita nella zona centrale di Avezzano, di proprietà di V.M., 44enne di origini ucraine. Il provvedimento di sospensione della licenza, a firma del Questore di L’Aquila, è scaturito a seguito della definizione di un procedimento il cui iter, iniziato dal personale del Commissariato, è stato definito dalla Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale della Questura di L’Aquila. L’attività era stata oggetto di accertamenti a seguito del fermo di P.G. a carico di M.S., 30enne di Capistrello, individuato come l’autore di alcune rapine ai danni di signore anziane, avvenute tra il luglio e l’agosto scorso, nella zona centrale della Città, eventi che avevano creato notevole allarme sociale soprattutto a causa della violenza esercitata nei confronti delle vittime, una delle quali aveva subito la frattura scomposta della mandibola ed era stata ricoverata presso il presidio ospedaliero di questo capoluogo. Dall’attività di indagine della Polizia è emerso che l’esercizio di “Compro oro” sarebbe stato utilizzato per la ricettazione di alcuni preziosi frutto delle summenzionate rapine. Le verifiche effettuate dagli agenti successivamente hanno permesso di contestare, inoltre, una serie di omissioni da parte dell’esercente ed in particolare la mancata riproduzione e la relativa conservazione delle foto degli oggetti acquistati nonché la mancata identificazione del cliente, violazioni che hanno portato all’emissione del provvedimento in argomento. Per le stesse motivazioni, il titolare era già stato segnalato nei giorni scorsi alla A.G. per il reato di ricettazione.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

"Nonostante la trasformazione delle feste di settembre per evitare assembramenti si sono creati purtroppo spontaneamente"

L’uomo si era specializzato nella coltivazione di diverse varietà di cannabis ognuna con un diverso principio attivo.

Il manager Di Giosia lancia un appello alla responsabilità verso se stessi e verso gli altri e chiede che si intensifichino i controlli.

L'associazione ambientalista esegue una ricognizione e scopre una situazione sconcertante con la scoperta di sversamenti illeciti.