Domenica 19 Gennaio 2020

Cronaca

Area di Risulta Pescara, la Polizia arresta un senegalese violento

17/09/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Area di Risulta Pescara, la Polizia arresta un senegalese violento

Nel pomeriggio di oggi, un cittadino senegalese è stato tratto in arresto per violenza, minaccia e resistenza a Pubblico Ufficiale.

Intorno alle ore 14.00, una Volante della Polizia di Stato è stata avvertita da alcuni passanti che all’interno del parcheggio dell’area di risulta, vicino alla stazione di Pescara Centrale, si stava consumando una rissa tra cittadini di colore. Gli operatori si sono immediatamente portati nel luogo segnalato ed hanno notato due cittadini di colore che litigavano animatamente: uno dei due, con indosso una maglietta di colore bianco, poi identificato per T.M. 43enne, stava colpendo ripetutamente con calci e pugni al volto un suo connazionale, T.M. 44enne, risultato essere suo cugino e che ha rifiutato le cure mediche. Quest’ultimo ha spiegato che la lite era scaturita da futili motivi e che l’uomo da un po’ di tempo soffre di disturbi comportamentali. Gli operatori con grande fatica sono riusciti ad interrompere l’aggressione, ma l’individuo non riuscendo nel suo intento primario, ha continuato a scatenare la propria ira dapprima su di un’autovettura lì parcheggiata, danneggiandola vistosamente, di proprietà, peraltro, del fratello e poi, sugli agenti che hanno cercato di interrompere la sua azione violenta ancora indirizzata verso il cugino. L’uomo con forza ha reagito trascinando a terra entrambi i poliziotti che comunque sono riusciti ad immobilizzarlo e ad arrestarlo tenuto conto che i due operatori di polizia hanno riportato lesioni per 25 e 15 giorni di prognosi s.c., attestate dal personale medico del Pronto Soccorso dell’Ospedale Civile di Pescara. Il senegalese è stato trattenuto nella camera di sicurezza della Questura, in attesa della convalida dell’arresto, prevista domani mattina presso il Tribunale di Pescara.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Pescara Polizia di Stato

Potrebbero interessarti

La donna è stata vittima di una lunga serie di maltrattamenti, lesioni e persecuzioni vere e proprie da parte dell’uomo durante una convivenza sempre più burrascosa e violenta, tanto da decidere di separarsene nel 2018.

Cresce il malcontento tra i poliziotti penitenziari di stanza al carcere di massima sicurezza di Sulmona per la mancata apertura del reparto deputato al ricovero dei detenuti.

Scivolato in prossimità della Capanna Sevìce, sul monte omonimo del gruppo Sirente Velino, un escursionista residente a Roma di 53 anni è stato soccorso nel pomeriggio di oggi dall’elicottero del 118 di stanza a L’Aquila.

La famiglia rom, che era stata sgomberata a novembre per occupazione abusiva dell'alloggio popolare, stava tentando di riappropriarsi dell'abitazione.