Marted 22 Settembre 2020

Cronaca

Ancora un incidente causato da un cinghiale sulla fondovalle Sangro. Distrutta l’auto di un operaio della Sevel di Atessa

02/07/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Ancora un incidente causato da un cinghiale sulla fondovalle Sangro. Distrutta l’auto di un operaio della Sevel di Atessa

Tragedia sfiorata ieri per un operaio della Sevel di ritorno dal turno del pomeriggio.

Intorno alle undici dì ieri sera stava percorrendo con la sua auto la Superstrada Fondovalle Sangro, quando,300 metri prima dell’uscita per Archi, un cinghiale ha invaso l’arteria. Violento l’impatto con l’ungulato di grosse dimensioni, che è rimasto ucciso, l’uomo è stato miracolato, per lui nessuna ferita grave, solo spavento e rabbia, mentre la sua auto ha riportate importanti danni. Sull’ennesimo incidente causata da cinghiali interviene il sindaco di Roccascalegna Domenico Giangiordano.

“Sinceramente sono privo di speranza. Noi Sindaci abbiamo provato a cambiare qualcosa, abbiamo scritto, urlato, manifestato. - scrive con un post sui social - Ma chi potrebbe fare qualcosa rimane immobile!
Prima ed ora, tutto uguale,tanti slogan, ma alla fine ci ritroviamo tutti allo stesso punto. I cinghiali continuano a crescere di numero e questi sono i risultati!


Adesso fatevi dire da lui quanto tempo ci vuole per guadagnare 5.000,00 € per aggiustare l’auto! - continua il sindaco -
E solo grazie a qualche Santo che oggi può raccontare ciò che gli è successo, perché siamo nello stesso punto dove qualche anno fa ci fu lo stesso incidente che finì in tragedia!
Causa alla Regione? - scrIve Giangiordano - Nel frattempo deve riparare l’auto per andare a lavorare e se tutto va bene tra 5/6 anni forse verrà risarcito!”

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Atessa

Potrebbero interessarti

"Nonostante la trasformazione delle feste di settembre per evitare assembramenti si sono creati purtroppo spontaneamente"

L’uomo si era specializzato nella coltivazione di diverse varietà di cannabis ognuna con un diverso principio attivo.

Il manager Di Giosia lancia un appello alla responsabilità verso se stessi e verso gli altri e chiede che si intensifichino i controlli.

L'associazione ambientalista esegue una ricognizione e scopre una situazione sconcertante con la scoperta di sversamenti illeciti.