Mercoledì 23 Settembre 2020

Cronaca

Alpinista finito a testa in giù e svenuto, salvato dopo un volo di 30 metri sulla parete est del Corno Piccolo

13/09/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Alpinista finito a testa in giù e svenuto, salvato dopo un volo di 30 metri sulla parete est del Corno Piccolo

Ancora una volta l'intervento dei tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico d’Abruzzo è stato provvidenziale.

Tre alpinisti, uno di 53 anni e l’altro di 54 anni entrambi di Ancona, e una donna di Roma di 53 anni, si stavano arrampicando in cordata lungo la Via Mirka, a quota 2.400 metri, sulla parete est del Corno Piccolo del massiccio del Gran Sasso (Te). Durante la scalata il primo di cordata, l’uomo di 53 anni, al quarto tiro di via, ha perso l’appiglio in parete ed è precipitato lungo la ripida parete rocciosa per 30metri, finendo a testa in giù. A quel punto l’amico, il 54enne, secondo di cordata, facendosi aiutare dall’alpinista romana, terza di cordata, si è calato lungo la parete per raggiungere il compagno precipitato e finito a testa in giù. L’alpinista volato a testa in giù era svenuto, raddrizzato dal compagno, il 53enne ha poi però finalmente ripreso i sensi. Nel frattempo la terza di cordata ha allertato il 112 e i carabinieri hanno immediatamente richiesto l’intervento del 118, che ha attivato il Soccorso Alpino e Speleologico d’Abruzzo. Decollato dall’aeroporto di Preturo (Aq) l’elisoccorso ha caricato a Prati di Tivo (Te) i tecnici del Soccorso Alpino e ha raggiunto il luogo dell’incidente. Sul luogo i tecnici sono scesi e hanno recuperato il ferito con il verricello, l’uomo è stato subito trasportato all’ospedale di L’Aquila, dove gli sono stati diagnosticati un trauma facciale e uno al collo. Un’altro tecnico del Soccorso Alpino invece è rimasto con i due alpinisti illesi e tutti e tre sono poi stati recuperati dell’elisoccorso dopo aver trasportato il ferito in ospedale.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Teramo CNSAS 118

Potrebbero interessarti

"Nonostante la trasformazione delle feste di settembre per evitare assembramenti si sono creati purtroppo spontaneamente"

L’uomo si era specializzato nella coltivazione di diverse varietà di cannabis ognuna con un diverso principio attivo.

Il manager Di Giosia lancia un appello alla responsabilità verso se stessi e verso gli altri e chiede che si intensifichino i controlli.

L'associazione ambientalista esegue una ricognizione e scopre una situazione sconcertante con la scoperta di sversamenti illeciti.