Marted 21 Gennaio 2020

Cronaca

Abruzzo, controlli dei Nas in stand di dolciumi per epifania, sanzioni per 30mila euro

06/01/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Abruzzo, controlli dei Nas in stand di dolciumi per epifania, sanzioni per 30mila euro

I controlli dei NAS hanno riguardato 6 aziende dolciarie e 15 stand gastronomici allestiti in mercatini di Natale realizzati a Pescara, Teramo, Chieti, L’Aquila.

Controlli dei NAS di Pescara agli stand ambulanti allestiti per la vendita di prodotti dolciari in occasione dell’Epifania. Dalle gallerie dei centri commerciali dell’area metropolitana di Pescara a quelli realizzati in centro città, i controlli hanno riguardato la tracciabilità, la corretta etichettatura, l’indicazione di allergeni e delle date di conservazione. In una rivendita di prodotti dolciari per le tradizionali calze della befana, allestita nel capoluogo Adriatico, stamane sono state contestate due violazioni poiché i prodotti non riportavano etichette con indicazioni di ingredienti e allergeni. Contestate due sanzioni per complessivi 8 mila euro. I controlli dei NAS, per la sicurezza degli alimenti e dei prodotti dolciari venduti in occasione delle festività natalizie hanno riguardato 6 aziende dolciarie e 15 stand gastronomici allestiti in mercatini di Natale realizzati a Pescara, Teramo, Chieti, L’Aquila e principali località della Provincia. Sequestrati 6 quintali di prodotti dolciari ed alimentari poiché carenti di tracciabilità o con date di consumo decorse di validità. Sospese due attività per carenze igieniche ed autorizzative. Nel totale sono state elevate sanzioni per 30 mila euro e segnalato alla magistratura un operatore per frode nell’esercizio del commercio.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Indelebile il ricordo di quel dramma con il dolore delle persone che hanno perso i propri cari e che chiedono ancora giustizia.

I carabinieri del nucleo antisofisticazioni hanno provveduto al sequestro di prodotti della filiera del latte e hanno sospeso alcune attività per carenze iginico sanitarie.

La donna è stata vittima di una lunga serie di maltrattamenti, lesioni e persecuzioni vere e proprie da parte dell’uomo durante una convivenza sempre più burrascosa e violenta, tanto da decidere di separarsene nel 2018.

Cresce il malcontento tra i poliziotti penitenziari di stanza al carcere di massima sicurezza di Sulmona per la mancata apertura del reparto deputato al ricovero dei detenuti.