Venerdì 05 Marzo 2021

Attualità

Terremoto, Sbloccati 40 mln per comuni Abruzzo

05/05/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Terremoto, Sbloccati 40 mln per comuni Abruzzo

Circa 5mila gli immobili abruzzesi colpiti dal sisma del 2009 e del 2016 che riceveranno i contributi pubblici

Via libera ai contributi pubblici maggiorati per i circa 5mila immobili, tutti situati in Abruzzo, che hanno subito sia il terremoto del 2009 che quello del 2016. La decisione, formalizzata con un decreto dell'Ufficio Speciale della ricostruzione del cratere abruzzese, è il primo risultato del tavolo coordinato da Casaitalia, la struttura della presidenza del Consiglio guidata dall'ex capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio, tra la struttura di missione "Sisma 2009" della stessa presidenza e il commissario per la Ricostruzione per il terremoto del 2016, Giovanni Legnini. Il provvedimento sblocca un maggior contributo alla ricostruzione stimato in circa 400 milioni per circa mille aggregati immobiliari complessi, con l'erogazione di una prima tranche delle anticipazioni da parte del Commissario Legnini agli Uffici speciali di circa 40 milioni. Nel corso dell'incontro, Curcio e Legnini hanno gettato le basi per sviluppare ulteriormente la collaborazione, per accelerare e semplificare i due processi di ricostruzione.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

L'offerta didattica dell'Università telematica del Polo Uninettuno si sta dimostrando pienamente rispondente alla situazione di emergenza che stiamo vivendo che ha messo in crisi i sistemi tradizionali di formazione.

Stamane il sopralluogo del sindaco Ottavio De Martinis, accompagnato dall’assessore Alessandro Pompei, dal consigliere Francesco Di Pasquale e dai tecnici comunali

L'accordo tra rappresentanti sindacali e Betafence è nero su bianco a chiusura del tavolo istituzionale della vertenza promosso dall'assessore regionale alle Politiche del Lavoro, Pietro Quaresimale

Verna: Avere progetti esecutivi pronti significa accedere facilmente a finanziamenti statali o regionali per opere che il Comune non può sostenere con risorse proprie.