Domenica 28 Febbraio 2021

Attualità

Solidarietà, i carabinieri della Compagnia di Atessa donano generi alimentari alla Caritas di Atessa e di Trivento

29/12/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Solidarietà, i carabinieri della Compagnia di Atessa donano generi alimentari alla Caritas di Atessa e di Trivento

Continua e si rafforza la collaborazione tra la Caritas e l'Arma dei Carabinieri per sostenere i più bisognosi.

Il 23 dicembre scorso personale del Comando Compagnia carabinieri di Atessa,agli ordini del Comandante Alfonso Venturi, ha consegnato a Don Daniel Ngandu circa 300 kg di derrate alimentari. Un gesto fortemente voluto dai carabinieri appartenenti alle Stazioni di Atessa, Scerni, Villa Santa Maria, Bomba, Borrello, Paglieta, Archi, Castiglion Messer Marino per ribadire e consolidare ulteriormente il concetto di vicinanza dell’Arma dei Carabinieri alle persone più deboli ed in difficoltà soprattutto in questo momento di emergenza sanitaria. L’iniziativa, va a rafforzare la collaborazione Caritas – carabinieri iniziata a novembre scorso dopo l’incontro con i rappresentanti della Caritas di Atessa e dell’associazione “Non sei solo” stretta per agevolare la distribuzione di generi alimentari di prima necessità nei confronti delle famiglie più bisognose presenti sul territorio. Analoga donazione verrà effettuata dalla Stazione carabinieri di Schiavi di Abruzzo anch’essa dipendente dal Comando Compagnia di Atessa che effettuerà una piccola donazione di generi alimentari in favore della Caritas diocesana di Trivento diretta da Don Alberto Conti.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Lo annunciano Nicola Manzi Uilm Abruzzo e RSA Uilm Sevel. "È la prima volta che accade nello stabilimento abruzzese del Ducato"

L’ Amministrazione Comunale, guidata dal sindaco Di Giuseppantonio, annuncia di essere al lavoro per progettare la ristrutturazione di altri edifici comunali strategici, con i finanziamenti statali e regionali.

Vaccinazione per tutti gli avvocati che operano negli uffici giudiziari e che abbiamo clienti ristretti in carcere

Tiziana Magnacca: vogliamo lasciare in eredità alla futura amministrazione progetti approvati che consentano poi l’effettiva realizzazione del manufatto.