Mercoledì 06 Luglio 2022

Attualità

Sevel, Rsa Fim-Uilm-Fismic: assenza delle istituzioni regionali su problemi che affliggono l’area industriale della Val di Sangro

27/11/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Sevel, Rsa Fim-Uilm-Fismic: assenza delle istituzioni regionali su problemi che affliggono l’area industriale della Val di Sangro

Il sindacato dei metalmeccanici conferma la decisione dell'azienda di non confermare contratti a 190 lavoratori in staff leasing, Sul fronte della produzione inoltre quest'anno scenderà da 310 mila furgoni a 250 mila.

"Nella giornata di ieri si è tenuto l’incontro tra il comitato esecutivo di Sevel e la Direzione di stabilimento, dove è stato sottoscritto l’accordo per la chiusura natalizia, il periodo di chiusura partirà dalle ore 22.15 del 23 dicembre 2021 fino al 9 gennaio 2022 compreso. Per la chiusura natalizia saranno utilizzati ferie e permessi, mentre la festività del santo patrono (San Leucio) andrà a copertura del 5 gennaio 2022. Purtroppo la mancanza dei semi conduttori e la fornitura di altri componenti continuano a causare gravi rallentamenti alla produzione della Sevel. Per i problemi sopra citati e le conseguenti fermate di quest’anno, la produzione programmata scenderà da 310.000 furgoni a circa 250.000. L’azienda inoltre ci ha comunicato che la turnazione per i prossimi mesi continuerà a 15 turni e la produzione si abbasserà nuovamente, dai 1.000 ai 1.100 vetture al giorno, cercando di fare meno cassa integrazione possibile." Così in una nota Rsa Fim Uilm Fismic.

"Dopo le perdite dei mesi scorsi di parte dei lavoratori in staff leasing, ci è stato comunicato che ne usciranno altri 190. Come sindacato dobbiamo creare le certezze e garantire loro che, al momento di una ripresa produttiva, abbiano la priorità per rientrare in azienda. Persiste l’assenza delle istituzioni regionali sui problemi che affliggono l’area industriale della Val di Sangro. La regione Abruzzo faccia sentire la sua voce sul governo nazionale e investa subito tutte le risorse disponibili per attrarre nuovi insediamenti industriali ed evitare altre delocalizzazioni, per migliorare i porti, sulla banda larga, sulla dorsale stradale tirreno- adriatica, sui collegamenti autostradali e sul trasporto ferroviario. Come sindacato siamo vigili e attenti a questo processo che sta investendo la Sevel e tutto l’indotto. Siamo pronti a condividere con le altre sigle un percorso serio, non di facciata, a tutela dei lavoratori, delle loro famiglie e di tutto il territorio".

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Atessa Sevel

Potrebbero interessarti

Il segretario Di Giuseppantonio: Il confronto tra Regione, Ersi, società di gestione e comuni risulta necessario per individuare soluzioni certe e capaci di individuare finanziamenti.

Un incontro organizzato dal Settore Servizi alla Persona del Comune di Lanciano e dall'Ordine degli avvocati di Lanciano. L'assessore Cinzia Amoroso: il primo di un serie di incontri per creare una rete istituzionale che sia vicina alle persone con fragilità

L'iniziativa coinvolge 80 detenuti con una dotazione finanziaria di 165 mila euro,

La comprovata architettura di 11° generazione consente un'affidabilità maggiore del 50% rispetto ai prodotti concorrenti