Lunedì 04 Luglio 2022

Attualità

Pescara, sicurezza stradale e rinnovamento urbano: le proposte della famiglia Pace e della Fondazione Scarponi

16/05/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Pescara, sicurezza stradale e rinnovamento urbano: le proposte della famiglia Pace e della Fondazione Scarponi

La famiglia Pace è impegnata da anni in una campagna di sensibilizzazione della sicurezza stradale della città di Pescara in ricordo del sindaco Carlo Pace scomparso nel 2017.

La strada oggi è dominata dalle auto, e in strada si muore più di 3000 volte l’anno. Anche Carlo Pace, Sindaco di Pescara dal 1994 al 2003, è stato vittima di violenza stradale nel 2017. Ma da una perdita nasce la proposta di una mobilità a misura di persona. La famiglia Pace è impegnata da anni in una campagna di sensibilizzazione della sicurezza stradale della città di Pescara in ricordo di Carlo Pace, e in questa attività è in contatto continuo con la Fondazione Michele Scarponi di cui condivide gli obiettivi.

Questa mattina a Pescara la famiglia Pace, in compagnia di Marco Scarponi in rappresentanza della Fondazione Michele Scarponi, nel corso di una conferenza stampa svoltasi a palazzo di città, ha consegnato al Sindaco Carlo Masci alcune proposte concrete per il miglioramento della sicurezza stradale di Pescara, con obiettivi a breve e medio termine. All’incontro erano presenti i figli di Carlo Pace, Laura e Bruno, la vedova signora Rossana, Marco Scarponi, il sindaco Carlo Masci e il consigliere comunale Armando Foschi.

Queste le proposte:

- istituzione, già a partire dal prossimo anno scolastico, delle strade scolastiche(1) di fronte alle scuole materne, elementari e medie; - riduzione del limite di velocità a 30 km/h(2) nella stragrande maggioranza dell’area urbana, a partire immediatamente dal lungomare in vista del periodo estivo;

- revisione degli attraversamenti pedonali(3), troppo spesso con segnaletica poco chiara e con parcheggi auto troppo in prossimità degli stessi;

- realizzazione di “Zone 30” (4) in aree chiave della città; - investimenti sulla mobilità dei disabili (5);

- razionalizzazione della mobilità a favore dei mezzi pubblici e della mobilità ciclistica (6).

"Le strade di Pescara, oggi dominate dalle auto - ha affermato Bruno Pace - devono diventare nei prossimi anni anche dei disabili, dei bambini, dei pedoni e dei ciclisti. I nostri figli e i nostri nipoti ci stanno chiedendo una città più sicura sulle strade, proviamoci tutti insieme anche in ricordo di Carlo Pace. Oggi, insieme alla Fondazione Scarponi, indichiamo delle soluzioni che sono suffragate, come emerge dai miei studi, da dati statistici e da riscontri storici rilevati in molte città d’Italia e del mondo. Sono scelte spesso difficili ma credo che in questa battaglia non bisogna retrocedere."

Il sindaco Carlo Masci ha dichiarato " È il momento storico a imporci scelte che vanno nella direzione dell’ecosostenibilità, dell’efficientamento energetico che la realtà attuale così drammaticamente ha rimesso al centro della politica, del trasporto di massa a impatto zero, della sicurezza stradale e della mobilità evoluta. Se non realizziamo questo cambio culturale, perché non riusciamo a liberarci di una visione ormai superata di ricorso all’automobile a tutti i costi, nei prossimi anni verremo travolti e resteremo indietro sia in senso ambientale che economico. Ringrazio quindi la famiglia Pace per queste proposte sulla mobilità che faccio mie perché vanno nella direzione del cambiamento come progresso".

Marco Scarponi, presente a Pescara anche in occasione dell’arrivo della carovana del Giro d’Italia, ha aggiunto "In materia di sicurezza stradale è fondamentale partire dalla sensibilizzazione delle scuole. I ragazzi di oggi mi sembrano attenti a queste tematiche più di quanto possa sembrare, saremo quindi sempre disponibili come Fondazione Scarponi con quei Comuni aperti a questa visione, quindi anche verso l’amministrazione di Pescara".

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Pescara

Potrebbero interessarti

Il segretario Di Giuseppantonio: Il confronto tra Regione, Ersi, società di gestione e comuni risulta necessario per individuare soluzioni certe e capaci di individuare finanziamenti.

Un incontro organizzato dal Settore Servizi alla Persona del Comune di Lanciano e dall'Ordine degli avvocati di Lanciano. L'assessore Cinzia Amoroso: il primo di un serie di incontri per creare una rete istituzionale che sia vicina alle persone con fragilità

L'iniziativa coinvolge 80 detenuti con una dotazione finanziaria di 165 mila euro,

La comprovata architettura di 11° generazione consente un'affidabilità maggiore del 50% rispetto ai prodotti concorrenti