Sabato 16 Ottobre 2021

Attualità

Pescara, la crisi idrica non si arresta: il sindaco Masci scrive all’Aca

06/10/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Pescara, la crisi idrica non si arresta: il sindaco Masci scrive all’Aca

Masci ha chiesto ai dirigenti un report dettagliato sulle problematiche in essere e un calendario del programma di interventi.

Il perdurare della situazione di difficoltà di approvvigionamento idrico in più zone della città di Pescara, e il ripetersi di lamentele e proteste da parte dei cittadini costretti a sopportare disagi esasperanti, hanno spinto il sindaco di Pescara, Carlo Masci, a inoltrare nel pomeriggio una missiva al Presidente dell’Aca (Azienda consortile acquedottistica), ingegner Giovanna Brandelli, e al direttore tecnico della stessa azienda, ingegner Lorenzo Livello.

"La situazione è causa di enorme frustrazione per il sottoscritto e per l’intera amministrazione comunale, costretti a registrare anche quest’anno – si legge nella lettera – reclami e forti lagnanze dei residenti e di chi visita Pescara, ormai esausti per i continui disservizi che già in troppe circostanze ho segnalato all’Aca senza che mi venissero in alcun modo rese note ipotesi di soluzione definitiva e in tempi brevi. Queste inefficienze riguardano certamente l’intera provincia e parte di Chieti, ma Pescara, per le particolari caratteristiche urbanistiche e del territorio, paga effetti ancor più rilevanti".

Il sindaco di PescaraCarlo Masci ha quindi chiesto espressamente ai dirigenti un report dettagliato sulle problematiche in essere e un calendario del programma di interventi atti a scongiurare il ciclico manifestarsi di mancanza di acqua, necessaria sia a scopo alimentare che sanitario, che si ripropone a scadenze continue nel tempo.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Pescara

Potrebbero interessarti

Si attende la conferma per l'apertura del tavolo nazionale al Mise anche della vertenza Riello di Cepagatti.

Il primo passo: rimozione di rifiuti e ruderi trovati nel Comparto 5

Rispoli e Giammarino: “Appaltati gli interventi alla scuola primaria di Porta Sant’Anna, manutenzione, messa in sicurezza ed efficientamento energetico per 340.000 euro”

Resi possibili dal contributo di 80.905€ ottenuto dal Ministero dell'Economia e dal Ministero per il Sud per la realizzazione di infrastrutture sociali.