Marted 22 Giugno 2021

Attualità

Pescara, Il sindaco Masci firma l’ordinanza per gli orari delle attività di food and beverage

09/06/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
  Pescara, Il sindaco Masci firma l’ordinanza per gli orari delle attività di food and beverage

Il provvedimento dispone orari diversi in base alle zone e sarà in vigore dall'11 Giugno prossimo

Entrerà in vigore venerdì 11 giugno la preannunciatae tanto discussa ordinanza che il sindaco di Pescara Carlo Masci, recependo un ordine del giorno votato dal Consiglio comunale, ha firmato in queste ore allo scopo di regolamentare gli orari di apertura e chiusura delle attività cittadine, in particolare nelle aree cittadine in cui maggiore è l’affluenza di persone per la presenza di locali come bar, pub e ristoranti.

 

"Obiettivo del provvedimento - si legge nella nota del Comune - è stato quello di contemperare il diritto al riposo notturno dei cittadini con la necessità di favorire il più possibile la ripartenza di quegli esercizi messi in difficoltà, nel corso dell’ultimo anno, dalle chiusure provocate dall’emergenza sanitaria. Non meno rilevante è stata l’attenzione al mantenimento di un adeguato livello di decoro urbano e di tutela della pubblica incolumità che, sopratutto nelle ore serali e notturne, può determinare potenziali problemi di ordine e sicurezza pubblica".

"Sentite quindi, in incontri svoltisi negli ultimi due giorni in Comune, le associazioni di categoria di Pescara, vale a dire Confesercenti, Confartigianato, Confcommercio, Cna e Casartigiani, e dopo averne dato comunicazione al Prefetto Giancarlo Di Vincenzo, - continua la nota - sono state determinate misurevolte a contemperare il legittimo interesse degli imprenditori locali all’utile di impresa con le richieste dei residenti delle zone interessate alla quiete e alla sicurezza urbana".

L’ordinanza del sindaco Masci introduce quindi in via temporanea – cioè dall’11 giugno e fino al 7 luglio 2021 – la seguente disciplina per giorni, orari e aree distinte di Pescara, come riepilogata:

1. Zona limitrofa a Piazza Muzii: Via C. Battisti - Via Piave - Via Mazzini - Via Forti - Via Goito - Via Curtatone - Via De Cesaris - Via Minghetti - Via Poerio - P.zza M.Muzii - P.zza Santa Caterina - Via Quarto dei Mille - Via De Amicis;

2. Zona Centro Storico: Via delle Caserme - Largo dei Frentani -Via dei Bastioni – Corso Manthonè - Via Catone – Via Corfinio – Via Petronio – Via E.Flaiano – Piazza dell’Unione – Piazza Garibaldi dalla domenica al giovedì, dalle ore 06:00 alle ore 00:30 del giorno successivo; venerdì e sabato dalle ore 06:00 alle ore 01.30 del giorno successivo;

3. Altre zone della città dalla domenica al giovedì, dalle ore 06:00 alle ore 01:00 del giorno successivo; venerdì e sabato, dalle ore 06:00 alle ore 02.00 del giorno successivo. .

"La pubblica amministrazione – ha detto questa sera il sindaco Carlo Masci – ha il dovere e la responsabilità di regolare comportamenti e attività sociali ed economiche, facendo in modo che non vi siano interessi prevalenti per l’una o l’altra categoria. Se così non fosse verrebbe meno al suo ruolo e alle sue funzioni. Il punto di equilibrio basato sul buon senso e sul rispetto di tutti i cittadini deve sempre prevalere sugli interessi di parte; solo così costruiremo una città più accogliente e accresceremo la qualità della vita di tutti noi. Sono convinto che nelle prossime settimane, quando l’estate vivrà la sua fase centrale - si potranno fare significativi passi in avanti, questo se le condizioni lo permetteranno"

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Pescara

Potrebbero interessarti

Permetterà di predisporre importanti azioni di contrasto alle infiltrazioni della criminalità nel tessuto economico provinciale

L’università ha già proceduto a pubblicare un avviso con cui ha acquisito ben 400 manifestazioni d’interesse. La gara è prevista per settembre. Il progetto pronto in 15 mesi.

Si terrà nel parcheggio della struttura per dare un significato simbolico alla seduta dell'assise civica.

È rivolto a ragazzi e ragazze che sono stati costretti a lasciare il proprio nucleo familiare per crescere fino ai 18 anni in una comunità di accoglienza o di affido