Venerdì 18 Ottobre 2019

Attualità

Duomo di Guardiagrele, un ascensore che elimina le barriere architettoniche

13/09/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Duomo di Guardiagrele, un ascensore che elimina le barriere architettoniche

Grazie a Noemi, bimba di Guardiagrele di 7 anni affetta da Sma1, la chiesa di Santa Maria Maggiore, duomo del paese, ha ora un ascensore che consentirà a disabili e anziani di accedere nonostante i gradini della storica scalinata.

Ieri l'inaugurazione, nell'edificio romanico con facciata in pietra della Majella e torre campanaria del XIII secolo, alla presenza del parroco, don Nicola Del Bianco, dell'arcivescovo di Chieti-Vasto, monsignor Bruno Forte, e della piccola Noemi. "Abbiamo messo in piedi il progetto ad aprile e ora abbiamo raggiunto il traguardo - spiega Andrea Sciarretta, papà della bimba e fondatore dell'associazione 'Progetto Noemi' che sostiene le famiglie di bimbi con disabilità gravi - Tutto questo non sarebbe stato possibile senza il contributo di monsignor Forte, che ci ha subito sostenuti, e l'aiuto di associazioni e imprenditori che hanno contribuito con donazioni". I loro nomi compariranno su una targa vicino all'ascensore; costo complessivo dei lavori 27mila euro.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Sociale

Potrebbero interessarti

Protagonista la pet therapy, con prove pratiche con animali, nel convegno promosso dal Comune di Atessa per il prossimo 26 ottobre. L'incontro, dal titolo “IAA: un campo riabilitativo in continuo sviluppo”, si svolgerà nella sala polivalente comunale

Vetrine prestigiose e internazionali per il nuovo cortometraggio del regista abruzzese Maurizio Forcella dal titolo ‘Quando la banda passò’. Il lavoro, distribuito dalla Premiere Film, sarà proiettato – in anteprima internazionale - oltreoceano in particolare alla 13esima edizione del San Diego Italian Film Festival.

Il 16 ottobre all’Istituto agrario di Scerni è protagonista l’Educazione Agroalimentare Un convegno per festeggiare la Giornata mondiale dell’Alimentazione e tante attività nei Laboratori

Orgoglio per la diocesi e per il lavoro svolto dallo stesso don Marco e dalla comunità locale. Per l’ufficio vocazioni e per la parrocchia sarà sostituito da don Mauro Pallini