Marted 22 Giugno 2021

Attualità

Diritto allo studio in Abruzzo, Barbara Stella: aprire un Tavolo per ascoltare le esigenze degli studenti

11/05/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Diritto allo studio in Abruzzo, Barbara Stella: aprire un Tavolo per ascoltare le esigenze degli studenti

L'esponente regionale del M5S interviene dopo la riunione della quinta commissione nel corso della quale sono state ascoltate le associazioni studentesche.

“Accolgo pienamente la volontà, manifestata dalle associazioni studentesche, presenti oggi nella Commissione quinta del Consiglio regionale dell’Abruzzo, di istituire un tavolo di lavoro che apra una discussione sul diritto allo studio regionale. È necessario farlo alla luce delle nuove esigenze rappresentate dagli studenti stessi e soprattutto affinché si possa davvero dare pieno sostegno e risposta alla lotta contro l’abbandono scolastico, fenomeno in aumento negli ultimi anni”, interviene così la Consigliera regionale del M5S Barbara Stella. E prosegue, “le problematiche emerse nel corso della discussione evidenziano l’urgente necessità di un intervento regionale che vada ad annullare, in ambito scolastico, qualsiasi tipo di disuguaglianza socio-economica, attraverso investimenti mirati che sappiano valorizzare realmente le capacità di tutti gli studenti”. Conclude la pentastellata Barbara Stella, “per questo spero che l’Assessore Quaresimale ascolti gli studenti e apra al più presto un tavolo di discussione, dal quale partire per un rinnovamento della normativa sul diritto allo studio nella nostra Regione”.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Si terrà nel parcheggio della struttura per dare un significato simbolico alla seduta dell'assise civica.

È rivolto a ragazzi e ragazze che sono stati costretti a lasciare il proprio nucleo familiare per crescere fino ai 18 anni in una comunità di accoglienza o di affido

Il Presidente del tribunale di Lanciano Audino: Necessaria una revisione della geografia giudiziaria a livello nazionale per rendere i presidi di giustizia efficienti, il problema dei risparmi deve passare in secondo piano.

Il provvedimento dispone orari diversi in base alle zone e sarà in vigore dall'11 Giugno prossimo